La recente sentenza della Suprema Corte n. 17123 del 13.08.2020 ribadisce il consolidato principio per cui non sussiste automaticità tra mancata consegna della certificazione di abitabilità dell’immobile compravenduto ed inadempimento – riconducibile ad “aliud pro alio” – legittimante pronuncia di risoluzione del contratto, attesa la necessarietà dell’indagine sulla gravità dell’inadempimento che, nel caso risolto dalla Corte, è stata esclusa atteso l’accertato rilascio della certificazione, sebbene post-vendita, con conseguente rigetto della domanda risarcitoria ex art. 1453 c.c.. Prima di esaminare le conclusioni da ultimo assunte dalla sentenza, occorre brevemente ricordare che il cosiddetto aliud pro alio costituisce autonoma fattispecie di inadempimento […]

Leggi di più ›

L’Avv. Andrea Rodolfo Masera interverrà al convegno del 15.10.2020 organizzato dalla Fondazione Forense di Monza, portando il proprio contributo sui seguenti temi: le nuove responsabilità degli organi di controllo sulla adeguatezza del sistema di controllo interno” misure premiali per l’imprenditore e CNCDEC – gli indicatori di crisi

Leggi di più ›

La bancarotta fraudolenta documentale, prevista e punita dall’ artt. 216, comma 1, n. 2 del R.D. 267/1942, nella duplice previsione di generica (prima parte) e specifica (seconda parte), è un reato proprio e come tale può essere attribuito al soggetto specificatamente individuato come agente dalla norma stessa. Questione peculiare (e anche controversa) è, quindi, l’attribuzione del reato a persona diversa dall’imprenditore o amministratore, direttore generale, sindaco o liquidatore di società fallita (art. 223 L.F.), come può essere la figura dell’amministratore di fatto, ovvero dell’extraneus che concorre nel reato proprio. La problematica in oggetto prende spunto dalla posizione della giurisprudenza nel […]

Leggi di più ›