Quest’anno lo Studio CRZM è stato annoverato tra “I Migliori Avvocati e i Migliori Studi Legali Corporate 2021” nell’esclusivo libro magazine edito da Class Editori, disponibile in edicola con MF-Milano Finanza anche nel suo formato digitale. Il volume è la guida dei migliori studi e professionisti e contiene la graduatoria elaborata da MF-Milano Finanza in collaborazione con PBV Monitor, basata sul numero dei professionisti, la tipologia di clienti, la specializzazione e gli incarichi ricevuti. Inoltre nella speciale categoria M&A Small Cap il founding partner Andrea Rodolfo Masera è stato nominato con il ranking “Best”.

Leggi di più ›

A cura di Dott.ssa Irene Galli Con sentenza n. 3022, depositata in data 10.2.2020, la Corte di Cassazione si è per la prima volta espressa sull’applicabilità dell’art. 393 c.p.c. nell’ipotesi di mancata riassunzione del giudizio di reclamo avverso la sentenza di fallimento dopo la cassazione con rinvio della decisione resa dalla Corte d’Appello. Nel caso esaminato dalla Suprema Corte, il Tribunale di Roma accertava l’esistenza di una società di fatto e, sul presupposto dello stato di insolvenza della stessa, ne dichiarava il fallimento, esteso personalmente ai soci. Il reclamo proposto ex art. 18 L.F., veniva respinto dalla Corte d’Appello di […]

Leggi di più ›

A cura di Avv. Paolo Verlucca Raveri La legge 103/2017 (c.d. riforma Orlando) ha previsto l’introduzione del comma 2 bis all’art. 448 c.p.p., secondo cui “il pubblico ministero e l’imputato possono proporre ricorso per cassazione contro la sentenza solo per motivi attinenti all’espressione della volontà dell’imputato, al difetto di correlazione tra la richiesta e la sentenza, all’erronea qualificazione giuridica del fatto e all’illegalità della pena o della misura di sicurezza”. Il disposto in parola si inserisce tra quei provvedimenti di carattere deflattivo, finalizzati ad evitare la proposizione di ricorsi in cassazione il più delle volte giudicati inammissibili. La problematica sottesa […]

Leggi di più ›

A cura di Dott.ssa Martina Busi A poco più di un mese dalla pronuncia della Suprema Corte, anche la Corte di Giustizia, con sentenza del 30 gennaio 2020, dice sì alla revocabilità della scissione societaria. La Corte di Giustizia interviene dopo che la Corte di Appello di Napoli, nell’ambito di una azione revocatoria promossa da alcuni creditori nei confronti di una società a responsabilità limitata, il cui patrimonio, a seguito di scissione, era stato in parte trasferito ad altra società, ha domandato in via pregiudiziale alla Corte di Giustizia di pronunciarsi, ex art. 267 TFUE (Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea), […]

Leggi di più ›

A cura di Avv. Paolo Verlucca Raveri Con sentenza del 5 marzo 2019, la Corte d’appello di Trieste, decidendo il gravame proposto dall’imputato condannato per il reato di all’art. 10 bis D. Lgs 74/2000, previa declaratoria di intervenuta prescrizione per alcuni fatti, ha confermato la responsabilità del medesimo, pronunciando condanna alla pena di giustizia, previa concessione delle circostanze attenuanti generiche. Ricorre per cassazione l’imputato con plurimi motivi, dichiarati infondati e/o inammissibili, ad eccezione di quello relativo all’omessa concessione dell’attenuante di cui all’art. 62, comma 1, n. 1, C.P.. Nell’ambito della decisone in commento la Corte, dando adesione al pacifico l’orientamento […]

Leggi di più ›

A cura di Avv. Paolo Verlucca Raveri L’art. 10 del D.lgs 74/2000 punisce con la reclusione da sei mesi a due anni chiunque non versa, entro il termine per il versamento dell’acconto relativo al periodo d’imposta successivo, l’imposta sul valore aggiunto dovuta in base alla dichiarazione annuale, per un ammontare superiore a euro duecentocinquantamila per ciascun periodo d’imposta. Trattasi di reato di natura omissiva e istantanea, punibile a titolo di dolo generico che consiste nella coscienza e volontà di non versare all’erario le somme dovute a titolo di IVA nel periodo considerato  Tale disposizione legislativa, contenuta nel provvedimento legislativo noto […]

Leggi di più ›

A cura di Avv. Paolo Verlucca Raveri Il decreto legge 25 marzo 2020, n. 19, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 79 del 25.03.2020 (Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID 19) si inserisce tra i provvedimenti adottati dal Governo per fronteggiare “l’emergenza coronavirus” che purtroppo da diverse settimane incombe sul Paese. All’art. 1 stabilisce la possibilità dell’emanazione di misure che limitino determinate attività, elencate al successivo comma 2. Tali misure saranno adottate attraverso uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, emessi sentiti i Ministri competenti ed anche i Presidenti di Regione (art. 2, comma 1). La norma […]

Leggi di più ›

Con sentenza n. 5685/2020 la Suprema Corte ha risolto il contrasto giurisprudenziale in tema di modalità di soddisfacimento del credito del subappaltatore di opera pubblica nei confronti dell’appaltatore fallito in tutti i casi in cui residui un credito dell’appaltatore verso l’amministrazione appaltante, la quale abbia opposto la condizione di esigibilità di cui all’art. 118 del d.lgs. 163/2006 (Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE”, abrogato dall’art. 217 del decreto legislativo n. 50 del 2016), che consente alla medesima di sospendere i pagamenti in favore dell’appaltatore quando quest’ultimo non dia prova […]

Leggi di più ›